sabato 8 febbraio 2014

LIVE YOUR LIFE IN COLOUR


Io ho i capelli ricci. 
Ricci e fini. 

Questo significa che appena asciugati sembro Shirlie Temple, e che appena mi scontro con una seppur minima dose di quell’umidità che ha permesso che sul pianeta terra si sviluppasse la vita… divento come Melanie Griffith nella scena di Una donna in Carriera in cui si aggira ad un party distribuendo gnocchi al vapore.

Proprio per questo io, i miei capelli, me li stiro. Ho investito molto nella mia piastra di cui sono molto orgogliosa e che, a quanto pare se impostata bene, la mattina dovrebbe anche prepararmi al colazione e pulire la lettiera di Sophie e Tabby. Semplicemente la adoro, quando mi ci metto di impegno sembro appena uscita dal parrucchiere.


Ma anche lei deve arrendersi in questi periodi. Qui sembra non voler smettere di piovere. Eppoi, avessi a che fare sempre con la pioggia Milanese forse potrei sopportarla, ma 5 giorni su 7 è quella Varesotta che rende la mia povera chioma simile al terreno incolto in cui si trovano gli asparagi selvatici.

Una vera tristezza.

La pioggia varesotta è più fitta, sono sicura che sia anche più bagnata (niente battute, se non l'avete sperimentata non avete diritto di dire nulla), di sicuro è più fastidiosa e scende giù talmente forte che quando guardo fuori dalla finestra del mio ufficio sembra che ci sia la nebbia.
È un effetto che mi inquieta. 
Inoltre, lo ammetto, oltre ad essere una grande umorale, sono proprio meteopatica (“sempre meglio che meteoropatica” direbbe mia sorella), ma proprio non se ne può più! Sono forse a casa a sorseggiare te, con Schubert in sottofondo a perdermi nel dedalo dei miei pensieri alla ricerca di un nuovo concetto da far diventare punto cardine del relazionarsi del mio Esserci all'Essere? No! Mi tocca fare su e giù da mezzi pubblici sporchi, spesso puzzolenti e con questa pioggia, appiccicaticci.

Lo riaffermo e con enfasi: è una vera tristezza!

Si, le sento già le repliche: "sentila, quella che abita a Cinisello Beach!.. quando si apre la stagione da voi?". Oppure mia sorella "guardala, l'italiota che si deve lamentare delle condizioni atmosferiche per prendere il via e lamentarsi di tutto.."
Avete ragione, non tento neanche di difendermi. Negli ultimi mesi sono intollerante come non mai ed il tempo è alla fine solo un pretesto per esternarlo.
Riflettendo su questa realtà mi sono accorta che pur essendoci molto colore nella mia vita, forse ultimamente tendo ad isolarlo. 
Mi spiego meglio. Tendo a considerare tutto ciò che mi fa stare bene come una piccola isoletta di cui sono molto gelosa ed in cui mi rifugio.
Il problema è che le varie situazioni ed i molteplici impegni mi portano ad rifugiarmici sempre di meno e questo mi provoca una grande insofferenza, perché di fatto non riesco a ricaricare le pile come dovrei.
E così sono giunta ad una conclusione. Sto sbagliando tutto
Si, perché le cose belle non devono essere nascoste, segrete. Devono essere portate fuori, vanno condivise. Non sono una stanzetta in cui rifugiarsi dal mondo brutto e cattivo, ma sono un bel mantello che ci protegge quando usciamo ad affrontarlo questo mondo.
Insomma, il colore si deve usare fuori. Perché se lo si usa dentro è solo mero esercizio consolatorio.

E pensando a questo mi è venuto in mente il motto di Dyan Reavelay, grandissima donna, splendida artista che ho avuto il gran privilegio di incontrare durante uno favoloso corso organizzato da Barbara Andreuzzi di Timbroscrapmania (altra splendida donna e grandissima artista). Il motto di Dyan e "LIVE YOUR LIFE IN COLOUR". Così lei firma tutte le dediche (tranne la mia che è stata "To my lovely stalker").  Con la sua vita  e la sua arte ha dimostrato che funziona!
Così eccomi qui, a volermelo imprimere bene nel cuore, a volermici sporcare le mani, a volerlo condividere anche con voi e con l'etere in generale. 
Ecchisseneimporta se fuori piove!

E così adesso vi mostro il mio lavoretto. un mix Mirandoso in cui ho cercato di unire due tecniche che ultimamente mi hanno colpito molto: l'uso dei gessetti di Tim Holtz e la colorazione dei timbri con i Dylusion di Dyan Reaveley.

Questo è il materiale che ho usato:


Sul cartoncino nero di cheapboard ho stampato e cosparso con la polverina clear il timbro con i fiori di Dyan - questa è la parte di TH, sicuramente la polverina da embossing corretta è la Frosted della Ranger che usa lui, ma ahimè, questa mi mancava e così mi sono arrangiata con quella che avevo e tutto sommato non è andata male… 



Ho quindi embossato e questo è il risultato:


Adesso la parte divertente, con un gessetto bianco ho iniziatato a scarabocchiarci sopra… senza precisione alcuna e calcando parecchio:


Alla fine il risultato che si ottiene dopo avere tolto l'eccesso di gessetto è questo:



Già così a me piace, ma visto che parliamo di colore… diamoci dentro. Ho usato i Dylusion, colori molto vivi e tralucenti! Decisamente con un alto grado di saturazione del pigmento quindi… alla faccia del nero sotto!
Ho intinto il mio pennellino (quello che uso per colorare con i distress  che mi spaccia Gio') nei Dylusion e ho iniziato a colorare i mie fiorellini:



Finiti i fiorellini, mi è venuto in aiuto il mio uniposca bianco (cuciture e puntini) un po' di stickles qua e là che fa chic e non impegna e guardate un po':


Io trovo che sia un effetto proprio carino. 
Ed eccola finita con il sentiment (scritto a mano con penne gel glitterate su avanzi di cartoncino bianco e attaccate con biadesivo spessorato):


Beh, che altro aggiungere se non che adesso -anche perché alla fine è sabato sera- io uscirei:-)

Grazie di cuore per essere passati di qua!
K&H
M!R

12 commenti:

  1. Oh mamma proprio un bell'effetto! Bravissima Mir! baci baci

    RispondiElimina
  2. Io per fortuna ho i capelli lisci,che tortura Mir passare la piastra tutti i giorni e poi non ti si rovinano i capelli .......
    Il tuo tutorial è bellissimooo grazieee infinite e veramente un bellissimo effetto...
    Divertiti questa casa anche da parte mia!!!
    Bacioniiii

    RispondiElimina
  3. Ciao Miranda, prima cosa scrivi in maniera favolosa e anche si tuoi post sono lunghi è un piacere leggerli.Ti ringrazio per il tutorial che proverò anche io con quello che ho visto che mi mancano i colori che hai usato tu, la tecnica di Tim del gessetto mi fa impazzire ho letto qualcosa ma è tutto in inglese e il mio fa acqua da tutte le parti diciamo così. Visto che le tue spiegazioni sono perfette proverò e ti farò sapere, a dimenticavo ma sa che il tuo progetto è..diciamo...BELLISSIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO ciao Mirandina e vivi anche tu in un mondo di colori che è bellissimoooooooooooooo ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Ma è una meraviglia!!! io sento parlare di uso dei gessi ma ancora non ho provato niente!! e avrei anche del cartone spesso nero in casa... e forse persino la polvere da embossing frosted.. metti mai che mi ispiri!! Bravissima!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Commento parte prima: Mir, sto ridendo da sola perchè ho appena sperimentato una piastra nuova che funziona davvero bene - prima ne avevo una della mutua - e mi sono immedesimata nel tuo avvincentissimo - si può dire? - racconto :) domani vado a Passatempi e passioni con Giusi e spero di non sperimentare la pioggia nel Varesotto.
    Commento parte seconda: hai fatto benissimo a uscire dall'isoletta e l'hai fatto alla grande, d'altronde sei o non sei la stalker di Dyan( e appena potrai lo sarai anche di T!m se lei non lo ha già avvertito lol) Bravissima!
    la prof(essor) xxxx
    ps vedi, i tuoi posts narrativi mi ispirano lunghi commenti :)

    RispondiElimina
  6. bellissima l'idea e bellissima la realizzazione e ... dopo il "virato seppia" favoloso...questo "nero colore" fantastico! per quello che scrivi .... mi scriveresti "ancora"? ....è bellissimo leggerti!
    un abbraccio
    Gius

    RispondiElimina
  7. Ohhhh oggi non ci siamo sentite e già mi mancavi .... Per fortuna hai pubblicato questo intenso e immenso trattato su pioggia e capelli, piastre e colori.... Così ho avuto l'opportunità di leggerti (sei bravissima anche a scrivere) e di ricevere una seconda spiegazione su questa tecnica!!! La card è ..... Di più.... Di più non so si che cosa oramai ho utilizzato tutti gli aggettivi in mia conoscenza per definire i tuoi progetti. Grazie veramente di cuore per esserci e per farci vedere cosa esce dalle tue mani fatate!!!!! Buona notte!!!!

    RispondiElimina
  8. cara mir hai mai visto il cartone dove un signore anziano porta in giro la casa con i palloncini? c'e una scena dove la bimba dice " Mi Piace"......... l enfasi il trasporto con cui lo dici vale di piu di qlsi altre parole......io sono uguale....." mi piace".........

    ps x i capelli cara io sono come te.......ricci boccolosi e fini.......e li piastro.......

    RispondiElimina
  9. Umhmmm,.. da dove comincio? Allora, una cosa alla volta.
    Intanto impara a non rinnegare i tuoi ricci... detto da una donna riccia "che profuma di salsiccia" (come intona la famosa canzone)... per te, convinta vegana, varierò il testo in "la donna riccia, profuma d'indivia riccia"... penosa come rima... ma di meglio non ho!!
    Poi in quanto a mantello, ne ho cucito uno bello grosso apposta per te: credo proprio che potrà "ospitarti e proteggerti" mentre esci ad esplorare il mondo.
    Ah ma non è mica finita!!! Comunque, se vuoi fare un saltino nella tua isola felice (perchè depennarla dai tuoi luoghi preferiti?), mi son fatta prestare una bella barca da un amico marinaio: è abbastanza grande da trasportare te, me e tutti gli amici che inviteremo... in tanti faremo festa sulla tua isola!!
    E adesso passiamo alle cose serie.
    E' ora che T!m si dia una svegliata: lui ancora non ha capito cosa si perde a non venire in Italia... c'è un mare di talenti che lo aspetta per condividere con lui le gioie dello scrap e dello stamping... o forse lo sa già (mi sa tanto che Dyan gli ha parlato di te!) e ha paura di reggere il confronto!!!
    E alla fine ti dico: grande M!r, sii sempre te stessa, con i tuoi momenti bui e quelli luminosi, con i tuoi pennelli "in seppia" o a colori, con i capelli lisci o ricci (non ha importanza!), con i tuoi racconti che ci dicono chi sei e cosa provi...tu sei UNICA e ci piaci così, capelli piastrati o inumiditi dalla pioggia!!
    xoxoxo Eulalia... ma sempre Lallina (ma soltanto per pochi intimi!)

    P.S. Avrò mica scritto troppo? Questo è l'effetto che hai sulle persone... ma io sono proprio così.

    RispondiElimina
  10. Ecco qua la tua spacciatrice ufficiale di pennelli (LOL) pronta a commentare la meraviglia!!! Che scrivi d'incanto te l'ho già detto.... che riesci a suscitarmi bellissime emozioni con le tue parole, te l'ho già detto...... che mi fai ridere, te lo dico di continuo..... che fai dei lavori bellissimi, io te lo dico ma tu non ci credi..... ma allora in fin dei conti perchè sto scrivendo??? Perchè ti lovvo!!! un sacco!!!
    Bacioni
    Giò

    RispondiElimina
  11. Come ti capisco...capelli crespi e finto riccio, mosso che non si può vedere...modello re leone! Un orrore!
    Questa tua creazione è meravigliosamente solare...quanta allegria, che voglia di sole e corse nei prati pieni di fiori...d'ora in poi continuerò a seguirti, visto che ti ho appena scoperta (ma dove sono stata fino ad ora?!)

    RispondiElimina
  12. Cara Mir, mi vorrei perdere nel tuo blog per imparare sorridendo....perchè fai cose troppo belle e le arricchisci con una simpatia unica!
    complimenti, davvero bravissima!

    RispondiElimina